Cerca
  • Valerio Manisi

Poesia​ vernacolare "San Ciro 2021"​ di Valerio Manisi


San Ciro 2021

di Valerio Manisi


Purtroppo, cu estrema tristezza,

st’anno m’ha ‘gnottere st’amarezza!

Posso dicre ca in tant’anne di giro

st’anno no’ c’ha passà Santu Ggiro!


‘Sta disgrazia di pandemia

ti face passà ogni fantasia!

Tranne quera dlu napulitano, vurtagghiese

ca ci sape comu lu ‘spetta ‘stu friddu mese!


La prucissione, la focra, li fueche;

la cupeta, la bbana, li cungreche!

Lu calore di quiro fueco bbinidetto

ca ti ‘ccummogghica como int’a ‘nu lietto!


Li devoto ca fationo ‘na misata,

li preghiere di ci camina alla scasata,

quire ca si caresciono li cippune

e la bbanna cu quire belle sunature!


Quire ca ‘mmontono l’apparata,

quire ca la statua s’ l’ono cariciata

lì cristiane ca anchievno li strate

e tutte li preghiere verso lì malate!


È gghiusto! Parecchie so’ deluse!

No’ li cancille mica “cussì” st’use!

Soprattutto pì Ggiro nuesco! Lu Santo!

Ca mi fazzo a quattro cu lu trimento!


Ma … paisà! Quiro era dottore!

Santo dlì malate e protettore!

No’ facimu troppa canara e muina

pì pinzà “comu ma fa’ quera matina?”


Ci nì putea dicre cce porta a mente

diceva: “File mia, io no’ vogghio niente!

Sparagnate pì me ‘na cosa quanno

ca m’interessa cu no’ stè malanno!


Piccè, prima dli cure di ‘nu dottore,

passa la volontà dlu Criatore

e po’ quera dli garbate cristiane

ca diciono: ma sta’ tutte bbuene!


E ci v’ lu dico io ca so’ dottore

state sicure ch’è cu tutto lu core!”

Quindi, tutto quisto pì ddicre cce cosa?

Picciate ‘nu lampino, ‘zzimpate ‘na rosa!


Perché l’amore di ‘nu devoto

ste sulo a ‘na vanna, allu coto!

Ste int’allu core di ogni paisano

ca ci tiene alla salute dlu cittadino!


Ci mu ‘vuto ‘sta disgraziata pandemia

pinzate ca Santu Ggiro si facea li fatti sua?

Sicuramente s’era rifiutato di scè giranno

sapenno ca l’assembramento peggiora lu danno!


V’era fatto firmà a tutte lu motore

e s’era minato iddo! Piccè dottore!

Martire, medico, eremita!

sape bbueno ccè vale la vita!


Quindi: penza a lì malate, Santu Ggì!

Ca ‘st’anno purtroppo è sciuta cussì!

E siente cce ti dico: ci puru ‘sta vota la fede ni manne

propria quisto ha essere lu cchiù sincero di tutte l’anne!


Auguri paisane! Puro quire ca no’ canoscio!

Ed “evviva evviva” a Santu Ggiro nuescio!


22 gennaio 2021


Traduzione:


Purtroppo, con estrema tristezza,

quest’anno ingoiamo questa amarezza!

Posso dire che in tanti anni di giro

quest’anno non passerà San Ciro!


Questa disgrazia di pandemia

ti fa passare ogni fantasia!

Tranne quella del napoletano, grottagliese …

che chissà come lo aspetta questo freddo mese!


La processione, la pira, i fuochi;

il croccante, la banda, le congreghe!

Il calore di quel fuoco benedetto

che ti avvolge come in un letto!


I devoti che lavorano per un mese,

le preghiere di chi cammina scalzo,

quelli che trasportano la legna

e la banda con quei bei suonatori!


Quelli che montana l’apparata,

quelli che la statua l’hanno trasportata

la gente che riempiva le strade

e tutte le preghiere verso i malati!


È giusto! Parecchi sono delusi!

Non li cancelli mica “così” questi usi!

Soprattutto per Ciro nostro! Il santo!

Che mi faccio in quattro se non lo guardo!


Ma … paesani! Quello era dottore!

Santo dei malati e protettore!

Non facciamo troppa “canara” e “muina”

per pensare “come faremo quella mattina?”


Se ci potesse dire cosa porta a mente

diceva: “Figli miei, io non voglio niente!

Risparmiate per me qualcosa quest’anno,

perché m’interessa non ci sia malanno!


Perché, prima delle cure di un dottore,

passa la volontà del Creatore

e poi quella della garbata gente

che dicono: dobbiamo far star tutti bene!


E se ve lo dico io che son dottore

state sicure che è con tutto il cuore!”

Quindi, tutto questo per dire cosa?

Accendete un lampino, alzate una rosa!


Perché l’amore di un devoto

sta solo in una parte, al caldo!

Sta nel cuore di ogni paesano

che ci tiene alla salute del cittadino!


Se abbiamo avuto questa disgraziata pandemia

pensate che San Ciro si sarebbe fatto i fatti suoi?

Sicuramente si sarebbe rifiutato di andare in giro

sapendo che l’assembramento peggiora il danno!


Avrebbe fatto fermare a tutti il motore

e si sarebbe buttato lui perché è dottore!

Martire, medico, eremita!

Lui sa bene quanto vale la vita!


Quindi: pensa ai malati, San Ciro!

Che quest’anno purtroppo è andata così!

E senti cosa ti dico: se anche questa volta la fede ce la mandi

proprio questo sarà il più sincero di tutti gli anni!


Auguri paesani! Anche quelli che non conosco!

Ed “evviva, evviva” a San Ciro nostro!



51 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti